Etiqueta: musica

si diosito

liliana felipe:una donna straordinaria…con una discografia infinita

 

se diuccio avesse voluto che non ti masturbassi, o non mi masturbassi

mi avrebbe messo il sesso più giù

o le mani più su

o le tette sulle spalle

o il corpo a batteria

ogni cosa che vedi sono due o tre

ogni cosa che vedi ha il suo dritto e e il suo rovescio

se diuccio avesse voluto che tu non ragionassi o io non ragionassi

mi avrebbe fatto un buco nel cervello

o peli dentro

o il culo sulla fronte, o piedi sulla testa

ogni cosa che vedi sono due o tre

ogni cosa che vedi ha il suo dritto e e il suo rovescio

se diuccio avesse voluto che tu  non bestemmiassi o io non bestemmiassi

mi avrebbe dimostrato la sua esistenza

o mi avrebbe fatto di pietra

o con i peli sulla lngua

o senza l’ombelico

ogni cosa che vedi sono due o tre

ogni cosa che vedi ha il suo dritto e e il suo rovescio

 in versione originale:

si diosito hubiera querido que no me masturbara, o masturbase
me hubiera puesto el sexo más abajo
o las manos más arriba
o las tetas en las espalda
o mi cuerpo a batería
si diosito hubiera querido que no razonara, o razonace
me hubiera hecho un agujero en el cerebro
o los pelos para adentro
o las nalgas en la frente o los pies en la cabeza
si diosito hubiera querido que no blasfemara o blasfemase
me hubiera demostrado su existencia
o me hubiera hecho de piedra
o con pelos en la lengua
o sin hoyo en el ombligo
cada cosa que ves, son dos cosas o tres
cada cosa que ves tiene su derecho y tiene su revés

e per suonarla questi gli accordi

http://www.debatefeminista.com/PDF/1368.pdf

 

e per gustare qualcosina ecco qui il capro espiatorio

el chivo expiatorio

erase una vez…el mundo al revés

il tempo scorre e mi finisce lunedì! dovrei scrivere un inutile report lungo km e sono alla linea di partenza, cercando scorciatoie e scappatoie… e per di piú non riesco a smettere di canticchiare questa filastrocca!!

el tiempo pasa y el lunes se me acaba!tendria que escribir un informe inutil y largo km, y estoy a principio buscando atajos..huidas…y encima no puedo parar de cantar esta cancioncita!!

Erase una vez
un lobito bueno
al que maltrataban
todos los corderos.

Y había también
un príncipe malo
y una bruja hermosa
y un pirata honrado.

Todas estas cosas
había una vez
cuando yo soñaba
un mundo al revés.

C’era una volta / un lupetto buono / che era maltrattato da tutti gli agnelli.

E c’era anche / un principe cattivo / una strega bellissima / e un pirata onesto.

Tutte queste cose / c’erano una volta / quando sognavo / un mondo al contrario

E’ Paco Ibañez che canta “un cuento”, una poesia di Jose Agustin Goytisolo

niñas oscuras…resistenza!!!

Banale ma…Si resiste tutti i giorni non solo il 25 aprile!!

Lei è furia!! e non poteva avere nome più azzeccato!!!

Questa è niñas oscuras e piú giú il mio tentativo di tradurre il testo…chiedo perdono per le inesattezze ma la sua forza spero arrivi!

bambine oscure,

ci inculcarono bene la norma per  per far girare la ruota tragicomica

siamo state le pazze e le frigide

e le isteriche

..questa e altre volte ci fecero sognare e ci dissero che si poteva

e poi volevano che non lottassi ..per sovvertire la bilancia

nere tormente si agitano nell’aria: le bambine dell’inferno vogliono guerre impensabili

nere tormente si agitano nell’aria gridando al vento e mordendo a chi ci abbaia

mi chiamano furia,

mi chiamo zoccola,

siamo le lupe empoderadas come tante

…e la mia apparenza è un ‘arma a doppio taglio,

e vado in giro sul filo condannata a essere diversa

la mia presenza qui odora di terrorismo

esisto e lotto con il mio corpo

ho il mio kalasnikov nello esofago

non cercare la mia bocca perché ingoierai vomito

giustizia!!!

mi sveglio tra le braccia della ferita… nuda e e molto bagnata tra gli crampi

non c’è vetta che possa resistere alla nostra alleanza

di chi fece della realtà, magia

viaggio al centro delle mie terre

se le sue mani mi accarezzano le interiora

lady katana è la dama delle notti e dei mie giorni

solo mi legano le sue manette/spose le nostre ragioni o fidanzate

nere tormente si agitano nell’aria: le bambine dell’inferno vogliono guerre impensabili

nere tormente si agitano nell’aria gridando al vento e mordendo a chi ci abbaia

continua la lotta nella lotta ed esco dal mondo di cristallo

la sobrietà contro questo ago, sono la guerra che si sveglia

nostro nemico è il sistema maledetto ed etero patriarcale,

ti toglieremo la museruola che ti hanno imposto

..assieme nel cielo

calpestiamo le strade è arrivata l’ora del ballo

questa è la nostra rivoluzione

la nostra musica è eterna

la passione la nostra canzone più intonata

mandragola di sorsi cospirando..nei sui carceri di fango

unisciti!!

che stanotte voglio andare a caccia e dipingermi le labbra con il sangue della vendetta

 voglio sentirmi in casa in questi posti..

e gridare contro l’aria:

ancora non è nato chi ci fermi!!

ancora non è nato chi ci fermi!!

nun te scurdà!! no te olvides!!

Desde el napoletano al español!

En italiano la encontrais aqui!

Una de mis canciones favoritas…por fin conseguí traducirla…no es un español impecable..pero poco me importa!

dale al play y disfrutar!!!

E ssentevo quanno ero figliola, ‘o cchiammavano ammore
chellu fuoco ca te nasce mpietto e ca maje se ne more
‘e ccumpagne parlavano zitto ‘e na cosa scurnosa
ca na femmena ‘a fa sulamente ‘o mumento ca sposa

Y cuando era niña eschucaba que le llabavan amor al fuego que te nace en el pecho y que nunca muere. Las colegas hablaban bajito de una cosa que da verguenza y que una mujer solo se hace el dia que se casa

e pure si sposa nun songo stata maje
saccio comme volle ‘o sanghe e ‘ o core sbatte forte assaje
quanno ‘a voce d’ ‘a passione chiamma a te
quanno zitto int’ ‘a recchia tu te siente ‘e murmulia’

y apesar de que esposa nunca fui, se como hierve la sangre y como el corazón palpita fuerte cuando la voz de la pasión te llama, cuando al oido alguien te habla

nun te scurdà nun te scurdà
nun te scurdà pecchè sta vita se ne va
nun te scurdà, maje ‘e te
nun te scurdà nun te scurdà
nun te scurdà pecchè si no che campe a fà
nun te scurdà ‘e te, maje

no te olvides, no te olvides, no te olvides, porqué la vida ya se va! no te olvides nunca de ti! no te olvides, no te olvides, no te olvides, porquè si no para que vives? no te olvides de ti nunca!

e tanto ‘e ll’ammore ca ‘a sciorta m’a miso int’ ‘e mmane
ca ‘o vvengo e ‘a ggente pe’ chesto me chiamma puttana
nun’aggio maje saputo stà carcerata int’ ‘a casa
e n’ommo ca capeva chesto nun l’aggio truvato

y mucho es el amor que la suerte me ha dado en las manos, lo veo y por esto la gente me llama puta, nunca he sabido estar encerrada en casa y un hombre  que entendiera esto nunca lo encontrè

a chi me schifa dico nun vuo’ vede’
ca ‘o cuorpo tu t’ ‘o vinne comme a me
nun me suppuorte e chest’ ‘o ssaccio già
i’ songo ‘o specchio                                                                                                                          addù nun te vulisse maje guardà

y a quien me odia le digo: que no quieres ver que  vendes tu cuerpo como lo hago yo, no me aguantas y esto ya lo se, soy el espejo donde no te querrias mirar nunca

nun te scurdà nun te scurdà
nun te scurdà pecchè sta vita se ne va
nun te scurdà, maje ‘e te
nun te scurdà nun te scurdà
nun te scurdà pecchè si no che campe a fà
nun te scurdà ‘e te, maje

no te olvides, no te olvides, no te olvides, porqué la vida ya se va! no te olvides nunca de ti! no te olvides, no te olvides, no te olvides, porquè si no para que vives? no te olvides de ti nunca

Mamma, puttana o brutta copia ‘e n’ ‘ommo
chest’ è na femmena int’ ‘a chesta parte ‘e munno
ca quanno nasce a cchesto è destinata
e si ‘a cumanna ‘o core d’ ‘a ggente è cundannata

Madre, puta o copia fea de un hombre, esta es una mujer en esta parte del mundo, que cuando nace a esto es destinada y si se deja mandar por el corazón la gente la condamna

Mamma, puttana o brutta copia ‘e n’ ‘ommo
avesse voluto ‘e cchiù int’ ‘a chesta parte ‘e munno
apprezzata no p’ ‘e mascule sgravate no p’ ‘e chisto
cuorpo bello no p’ ‘e mazzate che aggio dato
sulamente pecchè femmena so’ stata
e nu catenaccio ‘o core nun me l’aggio maje nzerrato
sulamente pecchè femmena so’ stata
sulamente femmena

Madre, puta o copia fea de un hombre, habria querido más de esta parte del mundo: no ser apreciada por los hombres, no ser agradecida a este cuerpo hermoso, a los golpes que he dado, solo porque mujer nací y nunca he querido encerrar mi corazón con un candado solo porque mujer fui, solo mujer 

nun te scurdà nun te scurdà
nun te scurdà pecchè sta vita se ne va
nun te scurdà, maje ‘e te
nun te scurdà nun te scurdà
nun te scurdà pecchè si no che campe a fà
nun te scurdà ‘e te, maje

no te olvides, no te olvides, no te olvides, porqué la vida ya se va! no te olvides nunca de ti no te olvides, no te olvides, no te olvides, porquè si no para que vives? no te olvides de ti nunca!

la mela?

Le mele da queste parti si trovano in lattina o non esistono,  salvo comprarle come prelibatezza esotica nel centro commerciale d’elite di dimensioni USA…

ma la mela del peccato..quella l’hanno esportata e modificata tanto tempo fa per farla attecchire ben bene…perché dio così ha voluto…
perché da queste parti c’è sempre in mezzo dio, le decine di virgenes e le centinaia di iglesias evangelicas che ti offrono anche il corso di danza e quello di canto..e il sabato tutti in gita al mare a fare il bagno vestiti!

nel frattempo il governo, come promesso in campagna elettorale criminalizza l’aborto che era stato depenalizzato piú di un secolo fa

….

e quella mela che non c’è, è quella che vorresti tirare nella direzione dell’ennesimo fischio in strada…o che useresti per tappare il buco da cui esce il complimento mai atteso né apprezzato in strada e che si ripete all’infinito…e servirebbero quintali di mele

ma per fortuna non è il deserto..e  la Baca Loca  risponde a tono o come dice lei con la misma moneda!!!