Tag: revindicación

my slutwalk roma

Hace 4 meses en Tegus fui  a mi primera marcha de las putas!!

toda un experiencia y, por cierto, muy bien acompañada!

jaime y la marcha de las putas 2012

Y ahora también se va montando una “marcia delle puttane” en roma, inútil decir que estoy encantada y emocionada!

Las ribellule se están currando un taller para preparase juntxs con quien se apunte a la marcha del viernes.

La marcha en si será sábado 6 de abril en roma saliendo del teatro valle ocupado que junto con el queerlab y el circolo mario mieli están montando unas jornadas para recordar a Mario Mieli uno de los más importantes activistas homosexuales de los años 70.

En el taller se ha decidido retomar, entre otras cosa y herramientas, el bitch manifest para seguir analizando lo que nos pasa en la calle y no solo.

La llamada no es solo para mujeres, sino también para  lesbianas, maricas, cuir y todx lx bichxs maravillxs que quieran vivir un experiencia donde cuenta lo personal y lo político!!

Rome supports Pussy Riot

questa l’azione di febbraio nella cattedrale di cristo salvatore a mosca

esta la acción de febrero en la catedral de cristo salvador de moscú

questo il video della canzone

este el vídeo de la canción

e questo il video di supporto da roma fresco fresco di spiaggia

y este el vídeo de apoyo desde roma recién salido de la playa

e qui il comunicato  delle ribellule che sottoscrivo totalmente, mentre questo agosto mi vede spalla a spalla con un paio bagnine, una bibliotecaria, un seminarista, ponti intercontinentali, postumi surreali del dengue e molto molto altro…..

y aqui el comunicado de las ribellule que apoyo por completo, mientras este agosto me pone codo a codo con un par de socorristas de piscinas, una bibliotecaria, un seminarista, puentes transcontinentales, séquelas irreales del degue y mucho mucho más….

niñas oscuras…resistenza!!!

Banale ma…Si resiste tutti i giorni non solo il 25 aprile!!

Lei è furia!! e non poteva avere nome più azzeccato!!!

Questa è niñas oscuras e piú giú il mio tentativo di tradurre il testo…chiedo perdono per le inesattezze ma la sua forza spero arrivi!

bambine oscure,

ci inculcarono bene la norma per  per far girare la ruota tragicomica

siamo state le pazze e le frigide

e le isteriche

..questa e altre volte ci fecero sognare e ci dissero che si poteva

e poi volevano che non lottassi ..per sovvertire la bilancia

nere tormente si agitano nell’aria: le bambine dell’inferno vogliono guerre impensabili

nere tormente si agitano nell’aria gridando al vento e mordendo a chi ci abbaia

mi chiamano furia,

mi chiamo zoccola,

siamo le lupe empoderadas come tante

…e la mia apparenza è un ‘arma a doppio taglio,

e vado in giro sul filo condannata a essere diversa

la mia presenza qui odora di terrorismo

esisto e lotto con il mio corpo

ho il mio kalasnikov nello esofago

non cercare la mia bocca perché ingoierai vomito

giustizia!!!

mi sveglio tra le braccia della ferita… nuda e e molto bagnata tra gli crampi

non c’è vetta che possa resistere alla nostra alleanza

di chi fece della realtà, magia

viaggio al centro delle mie terre

se le sue mani mi accarezzano le interiora

lady katana è la dama delle notti e dei mie giorni

solo mi legano le sue manette/spose le nostre ragioni o fidanzate

nere tormente si agitano nell’aria: le bambine dell’inferno vogliono guerre impensabili

nere tormente si agitano nell’aria gridando al vento e mordendo a chi ci abbaia

continua la lotta nella lotta ed esco dal mondo di cristallo

la sobrietà contro questo ago, sono la guerra che si sveglia

nostro nemico è il sistema maledetto ed etero patriarcale,

ti toglieremo la museruola che ti hanno imposto

..assieme nel cielo

calpestiamo le strade è arrivata l’ora del ballo

questa è la nostra rivoluzione

la nostra musica è eterna

la passione la nostra canzone più intonata

mandragola di sorsi cospirando..nei sui carceri di fango

unisciti!!

che stanotte voglio andare a caccia e dipingermi le labbra con il sangue della vendetta

 voglio sentirmi in casa in questi posti..

e gridare contro l’aria:

ancora non è nato chi ci fermi!!

ancora non è nato chi ci fermi!!

nun te scurdà!! no te olvides!!

Desde el napoletano al español!

En italiano la encontrais aqui!

Una de mis canciones favoritas…por fin conseguí traducirla…no es un español impecable..pero poco me importa!

dale al play y disfrutar!!!

E ssentevo quanno ero figliola, ‘o cchiammavano ammore
chellu fuoco ca te nasce mpietto e ca maje se ne more
‘e ccumpagne parlavano zitto ‘e na cosa scurnosa
ca na femmena ‘a fa sulamente ‘o mumento ca sposa

Y cuando era niña eschucaba que le llabavan amor al fuego que te nace en el pecho y que nunca muere. Las colegas hablaban bajito de una cosa que da verguenza y que una mujer solo se hace el dia que se casa

e pure si sposa nun songo stata maje
saccio comme volle ‘o sanghe e ‘ o core sbatte forte assaje
quanno ‘a voce d’ ‘a passione chiamma a te
quanno zitto int’ ‘a recchia tu te siente ‘e murmulia’

y apesar de que esposa nunca fui, se como hierve la sangre y como el corazón palpita fuerte cuando la voz de la pasión te llama, cuando al oido alguien te habla

nun te scurdà nun te scurdà
nun te scurdà pecchè sta vita se ne va
nun te scurdà, maje ‘e te
nun te scurdà nun te scurdà
nun te scurdà pecchè si no che campe a fà
nun te scurdà ‘e te, maje

no te olvides, no te olvides, no te olvides, porqué la vida ya se va! no te olvides nunca de ti! no te olvides, no te olvides, no te olvides, porquè si no para que vives? no te olvides de ti nunca!

e tanto ‘e ll’ammore ca ‘a sciorta m’a miso int’ ‘e mmane
ca ‘o vvengo e ‘a ggente pe’ chesto me chiamma puttana
nun’aggio maje saputo stà carcerata int’ ‘a casa
e n’ommo ca capeva chesto nun l’aggio truvato

y mucho es el amor que la suerte me ha dado en las manos, lo veo y por esto la gente me llama puta, nunca he sabido estar encerrada en casa y un hombre  que entendiera esto nunca lo encontrè

a chi me schifa dico nun vuo’ vede’
ca ‘o cuorpo tu t’ ‘o vinne comme a me
nun me suppuorte e chest’ ‘o ssaccio già
i’ songo ‘o specchio                                                                                                                          addù nun te vulisse maje guardà

y a quien me odia le digo: que no quieres ver que  vendes tu cuerpo como lo hago yo, no me aguantas y esto ya lo se, soy el espejo donde no te querrias mirar nunca

nun te scurdà nun te scurdà
nun te scurdà pecchè sta vita se ne va
nun te scurdà, maje ‘e te
nun te scurdà nun te scurdà
nun te scurdà pecchè si no che campe a fà
nun te scurdà ‘e te, maje

no te olvides, no te olvides, no te olvides, porqué la vida ya se va! no te olvides nunca de ti! no te olvides, no te olvides, no te olvides, porquè si no para que vives? no te olvides de ti nunca

Mamma, puttana o brutta copia ‘e n’ ‘ommo
chest’ è na femmena int’ ‘a chesta parte ‘e munno
ca quanno nasce a cchesto è destinata
e si ‘a cumanna ‘o core d’ ‘a ggente è cundannata

Madre, puta o copia fea de un hombre, esta es una mujer en esta parte del mundo, que cuando nace a esto es destinada y si se deja mandar por el corazón la gente la condamna

Mamma, puttana o brutta copia ‘e n’ ‘ommo
avesse voluto ‘e cchiù int’ ‘a chesta parte ‘e munno
apprezzata no p’ ‘e mascule sgravate no p’ ‘e chisto
cuorpo bello no p’ ‘e mazzate che aggio dato
sulamente pecchè femmena so’ stata
e nu catenaccio ‘o core nun me l’aggio maje nzerrato
sulamente pecchè femmena so’ stata
sulamente femmena

Madre, puta o copia fea de un hombre, habria querido más de esta parte del mundo: no ser apreciada por los hombres, no ser agradecida a este cuerpo hermoso, a los golpes que he dado, solo porque mujer nací y nunca he querido encerrar mi corazón con un candado solo porque mujer fui, solo mujer 

nun te scurdà nun te scurdà
nun te scurdà pecchè sta vita se ne va
nun te scurdà, maje ‘e te
nun te scurdà nun te scurdà
nun te scurdà pecchè si no che campe a fà
nun te scurdà ‘e te, maje

no te olvides, no te olvides, no te olvides, porqué la vida ya se va! no te olvides nunca de ti no te olvides, no te olvides, no te olvides, porquè si no para que vives? no te olvides de ti nunca!

Algunas chicas somos más grandes que otras…in italiano

Qualche tempo fa pubblicai un pezzo promettendone la traduzione…e con i tempi lumakiani che mi contraddistinguono ecco che arriva la traduzione!

qui il link originale!

L’abbiamo tradotto e rivisto a più mani e occhi..in armoniosa rete direi..e ora spero che molti più occhi possano assaporarlo e trarne spunti di riflessione sul tema!

Alcune ragazze siamo più grandi di altre

Riflessioni attorno alla grassezza [1]

scritto da Laura

pidoperdonzine@hotmail.com

You’re the one for me, fatty.

Morrissey

I wanna riot- a riot of my own.

The Clash

Don’t gonna be a Twiggy, gonna be as I am.

Fun People

C’è una lettera di F. Engels, l’altro padre del marxismo, al genero di Marx, P. Lafargue, in cui, oltre a lamentarsi dell’abuso della parola “autoritario” da parte degli anarchici, parla di Bakunin e del suo “obeso corpo”. Il vecchio stratagemma del riferimento personale squalificante in tutto il suo spelendore e un esempio di autoritarismo, non ci sono dubbi.

La lettera in questione è del 1871 e, a parte le distanze epocali, mi illumina chiaramente. Un anno fa una presunta attivista conosciuta nell’ambiente si riferì a me su Facebook come a una “grossa grassa”[2]. Nonostante il tanto femminismo, post- e trans- femminismi, femme-inismo, queer, punk, anarchismo, post-strutturalismo e festivals Belladona[*], rimasi virtualmente senza risposta. L’insulto facile e retrogrado aveva provocato il suo effetto doloroso e paralizzante. “Grassa” è la parola. L’insulto. La ferita. E la maggior parte delle volte ci lascia senza parole.

So che ciò che disse questa persona è ridondante: qui, come in molti altri posti, essere grassx è essere molte altre cose negative. Essere grassx è anche essere bruttx, non desiderabile, poco salutare, flaccidx, senza forma, tontx, lentx, grossx. Una palla, qualcosa senza grazia. So che non sono grassa in tutti questi sensi e so anche che alcunx di voi cercheranno foto su internet che confermino quello che dico. Però sì, sono grassa. Non solo secondo i discutibili canoni o le idealizzazioni normative o nell’opinione di certx micro-facisti che frequentano anche ambienti che si dichiarano libertari, attivisti e simili. Mi spiego meglio.

Sono grassa perchè oggi scelgo di nominarmi così, con questa rara rabbia che ti fa sentire a volte orgogliosa e allegra: esco dal closet delle taglie (Kosofsky Sedgwick – Moon, Tendencies, 1993), dal corpo-padrone (Juan Nicolás Cuello, 2011), questo corpo che non si può obiettare, eccetto che per poche persone: quelle che si esercitano, quelle che mangiano bene, quelle che si misurano e misurano le altre. Sono grassa, così, oggi, perché non si nasce grassx (giocando con de Beauvoir, Preciado, Sedgwick, Moon e Berlant), ma occorre un fare costante, che non corrisponde solo a una patologia o a un disordine psicosomatico o a una relazione squilibrata con il cibo e con il consumo in queste società.

Come donna grassa appena uscita dal closet mi chiedo alcune cose. Quanto è troppo? Quando si comincia a essere troppo grassx, troppo altx, bassx, effeminatx, mascolinx, calvo o peloso, flaccidx (o troppo viziosx)? In che momento smettiamo di essere qualcunx per essere solo grassx? Troppa visibilità/voluminosità ci invisibilizza, paradossalmente. Ci riduce a un soprannome, a un isulto (autorx come Lauren Berlant sottolineano che perdiamo addirittura il nome proprio per cominciare a essere solo una cosa eccessiva). O, ancora peggio, ci riduce a qualcosa che deve togliersi dalla vista. O cancellarsi, se non si riesce a trasformarsi in un’altra cosa con sforzo, volontà, sudore e lacrime (la persona magra che la grassezza rinchiuse sotto sette lucchetti).

Insultare è un modo di stigmatizzare, si sa. La reiterazione dell’offesa subita ci impiglia in una storia che ci precede e che non abbiamo del tutto scelto. I nostri corpi sono il prodotto della storia politica, non solo della storia naturale (Preciado, Manifiesto Contrasexual, 2002). La grassezza, come il genere e altri dispositivi, non è naturale (Judith Butler, El género en disputa , 2007). I nostri corpi grassi sono corpi fabbricati come stigmatizzabili, senza alcun dubbio. Come il corpo da puttana, il corpo lesbico, nero, povero, migrante, trans, intersessuato o infantilizzato. Il corpo che non combacia e non ci sta, il corpo che eccede, che fa esplodere limiti, cuciture e cerniere, sedili dell’autobus, frontiere, finzioni e permessi legali.

Judy Butler (Lenguaje, poder e identidad, 2004) afferma che questi nomi ingiuriosi non si devono lasciare nel dominio dell’indicibile, perché in questo modo conservano la loro capacità di ferire. Forse toglierli dal silenzio ci permetterebbe di usarli per cose diverse, ancora impensate. Ad esempio per uscire dallo spazio della ferita che abitiamo. E per smettere di chiedere scusa per qualcosa che non abbiamo fatto, come diceva Alejandra Pizarnik in una bella poesia che mi piace sempre ricordare.

Preciado per questo secolo XXI auspica una ribellione comune, dei corpi. Una ribellione somatica, dice, “di fronte ai sistemi polizieschi di genere, sesso, sessualità, razza e normalità corporea che prevalgono nelle democrazie occidentali”[3]. Per cominciare, io oggi mi propongo di essere questo corpo che sono, impetuoso e fragile ma imbattibile. E visibile, ben visibile. So che per attuare questa ribellione dei corpi e degli affetti saranno necessarie molte più barricate di quelle che sono nominate qui. Ma sono fiduciosa. Alcune ragazze sono più grandi di altre, lo sapevano già gli Smith. E il Foucault che scommetteva sulle femministe capaci di superare le trappole della sessualità colonizzatrice e dei suoi effetti corporali annunciava anche noi.
Alcune di noi sono più grandi di altre indipendentemente dalla taglia che portiamo. E possiamo fare grandi cose per noi stesse. Magari, una rivolta che non sia insipida come un succo light. Un’insurrezione disordinata contro l’autorità che tutto segna e misura. Riot not diet, dicevano alcune sorelle nordamericane qualche decina d’anni fa. Cantiamo con loro le canzoni furiosamente allegre che parlano della pelle dura e dei corpi che non vogliono essere governati.

Buenos Aires, 25-9-11

[1] Grazie a tuttx quellx che hanno discusso con me alcune di queste idee in internet o di persona e che hanno condiviso generosamente le loro sensazioni, esperienze, sofferenze e desideri. Grazie agli affetti che mi hanno sostenuto quando mi sono sentita ferita e insultata. Grazie agli amici e amiche che non hanno bisogno di litigare per me né di difendermi, ma che sanno dire “se sei contro le mie amiche sei contro di me”. Cito specialmente Marianita, Pato, Ile e Gastón. Grazie ad Aldu che mi ha dato l’idea del titolo. E la lettura intelligente e sensibile delle bozze che hanno fatto molte delle persone che ho nominato. Dedicato a Juanel, perché sa darmi sempre una scusa per scrivere. Questo articolo mi ispirò profondamente e sarebbe bene che qualcuno lo traducesse: http://www.neoamericanist.org/paper/punk-will-never-diet

[2] È strano quanto possano ferire certi personaggi concettuali o di fantasia che si dicono liberx ma che sono fermamente legati ai loro privilegi e alle loro meschinità prosaiche. Per fortuna, è da molto tempo che alcuni di noi hanno imparato che si può passare dalla ferita narcisistica allo spazio politico. Perché non si tratta di questioni di poca importanza o anedottiche, legate alla “vita privata” o all’estetica, ma di questioni che riguardano direttamente i corpi, e se contiamo per quello che siamo agli occhi degli altri, a quali condizioni e in quali circostanze.

[*] Incontri che si facevano qualche anno fa a Buenos Aires per diffondere e condividere produzioni di donne (anche se non erano per sole donne o solo femministi), sia di musica, performance, esibizioni, rock, cortometraggi, proiezioni, feste, banchetti informativi o di autoproduzioni, workshop sulla depenalizzazione dell’aborto, libertà di scelta ect… (nota a cura delle traduttrici col supporto dell’autrice).

[3] Intervista a Beatriz Preciado nel Periódico Diagonal del 20/7/2010. Disponibile in: http://www.diagonalperiodico.net/Es-urgente-e-imprescindible-en-el.html